La storia di Balto - U.C.S. BALTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il nostro gruppo di protezione civile, specializzato nella ricerca e soccorso di persone travolte da macerie o disperse in superficie, porta il nome di un cane, Balto, passato alla storia come uno dei primi cani utilizzato in un'operazione di soccorso e questa è la sua vera storia.



Nome è una località dell' Alaska comparsa sulla mappa durante una delle più  grandi corse all'oro durante la fine del 19° secolo.
Era l’ultimo paese abitato, dopo di esso regnavano sovrani i ghiacci dell’Alaska. Il nome Nome deriva proprio dalla sua posizione geografica: era tanto lontano e sperduto che perfino i suoi abitanti la chiamavano NO NAME, città senza nome, che abbreviato divenne Nome.
Situata sulla penisola di Seward, Nome nel 1900 era arrivata ad avere fino a 20.000 abitanti, dopo che fu scoperto l'oro nelle spiagge lungo il mare di Bering.
Nel 1925, tuttavia, gran parte dell'oro era esaurito e quasi 1.400 persone rimasero a vivere nel remoto avamposto settentrionale. Nome era ghiacciato sette mesi all'anno e la più vicina ferrovia era a più di 650 (1.050 Km) miglia di distanza, nella città di Nenana. Il radiotelegrafo era il mezzo più affidabile con il quale Nome poteva comunicare con il resto del mondo durante l'inverno.
Poichè l' Alaska era un territorio degli Stati Uniti, il governo aveva mantenuto una rotta sulla quale  una staffetta di squadre di cani da slitta effettuavano un servizio postale da Anchorage a Nome. Un viaggio di sola andata su questa strada, chiamata la Iditarod Trail, richiedeva circa un mese.
I "musher" (i conducenti di una muta di cani da slitta)  che hanno attraversato questa pista sono stati i migliori dell' Alaska.

Una corsa per la vita
Il 20 gennaio 1925, un segnale radio uscì, portato per miglia attraverso la tundra ghiacciata: chimata da Nome .... chiamata da Nome .... Abbiamo un'epidemia di difterite .... Nessun siero disponibile.... Abbiamo bisogno urgente di aiuto ... chimata da Nome .... chiamata da Nome ....
L'unico medico presente a Nome aveva diagnosticato alcuni casi di difterite, una malattia estremamente contagiosa che colpisce la gola e polmoni. I nativi Inuit erano particolarmente vulnerabili a questa malattia, come lo erano stati per il morbillo e l'influenza, che avevano spazzato via interi villaggi. La frenetica ricerca di antitossina era iniziata.
Chiamata da Seattle .... Chiamata da Seattle .... siero disponibile .... pronto per volo, destinazione Nome ....

25 gennaio
Il lungo crepuscolo dell'inverno artico  era calato su Nome. C'erano state forti nevicate e le temperature erano scese molto al di sotto dello zero. Queste condizioni meteo non permettevano il volo degli aerei di quel tempo con la cabina di pilotaggio aperta.
Chiamata da Anchorage .... Chiamata da Anchorage .... 300.000 unità di siero disponibile .... spedizione in treno fino a Nemana .... il pacchetto pesa 20 pouds .... può essere trasportato a Nome attraverso la Iditarod Trail con il servizio postale tramite le squadre di cani da slitta?....
Sì, c'erano ancora alcuni problemi che la tecnologia del 20° secolo non poteva risolvere.
Come avevano fatto per anni, i coloni dell'Alaska riponevano ancora la loro fiducia nel coraggio degli uomini e nella forza dei cani.
Il giorno dopo, tre bambini erano morti a Nome per la difterite ed altri casi erano stati diagnosticati. Il tempo avrebbe fatto la differenza tra la vita e la morte per coloro che si erano ammalati. Una staffetta di squadre di cani lungo la Iditarod Trail era stata rapidamente organizzata.

27 gennaio
Il siero arrivò a Nemana in treno, e da lì partì la staffetta diretta verso Nome. "Wild Bill" Shannon fissato il prezioso carico alla sua slitta si avviò verso ovest. Fatta eccezione per i cani che ansimavano e il rumore dei pattini della slitta che procedeva velocemente sulla neve, non c'erano altri suoni sulla pista.
La temperatura era calata velocemente. Era di 30 gradi sotto lo zero quando Shannon partì, poi scese a meno 35 gradi ... 40 gradi ... 45 gradi …  fino a meno 50 gradi, nel buio artico. Shannon percorse 52 miglia da Nemana senza pensare al freddo, fino ad arrivare a Tolovana e consegnare il siero a Edgar Kalland.

28 gennaio
Kalland, a sua volta, viaggiò 31 miglia prima di passare il siero a Dan Green una volta arrivato a Manley Hot Springs. Green raggiunse Fish Lake (28 miglia), con una media sorprendente: nove miglia all'ora. Green passò il siero a Johnny Folger (26 miglia). Egli lo passò a Sam Joseph (34 miglia), poi a Titus Nikolai (24 miglia) e Dave Corning (30 miglia).
Continuava a nevicare e anche il vento aumentava ma ciò non fermò Harry Pitka (30 miglia), Bill McCarty (28 miglia) e Edgar Nollner (24 miglia).
Eschimesi, indiani e bianchi si alternarono nel trasportare il siero nella "Grande gara di solidarietà ".
Per quegli uomini impegnati nella staffetta era una sfida ai limiti della sopportazione. Il siero che passava da mani congelate a mani congelate si era a sua volta congelato, nonostante gli involucri protettivi.
Scongelato in uno dei rifugi lungo la strada, si gelò nuovamente lungo il percorso.

30 gennaio
A Galena, Edgar Nollner diede il siero a suo fratello sposato da poco, George. Per l'ultimo tratto delle sue  30 miglia, Charlie Evans trainò la slitta dopo che a due suoi cani si congelarono le zampe.
Il siero passò a Tommy Patsy (36 miglia); Jackscrew, l'indiano Koyukuk (40 miglia); Victor Anagick (34 miglia) e Myles Gonangnan (40 miglia).

31 gennaio
A Shaktoolik, arrivò il turno di Leonhard Seppala, il più grande musher nel territorio e Togo, uno dei più grandi cani da slitta. La tempesta cresceva sempre di più, costringendo Seppala ad affrontare una decisione: prendere una scorciatoia attraverso il mare ghiacciato, il pericoloso Norton Sound o aggirarlo. Venti burrascosi sul mare minacciavano la stabilità del ghiaccio, che poteva rompersi in qualsiasi momento.
Togo era un cane da slitta coraggioso, forte, obbediente e possedeva un eccezionale senso del pericolo.
Ogni cane, all'interno di una squadra ha una posizione importante, ma è il leader che deve guidarli sulla via più sicura.
Seppala aveva molta fiducia nella sua squadra e si diresse verso il ghiaccio. Solo tre ore più tardi, il ghiaccio si ruppe a Norton Sound.


1 febbraio
Attraverso il bagliore accecante della neve e dei venti forza-uragano, il siero passò da Seppala a Charlie Olson (25 miglia) e poi a Gunnar Kaasen. Se Kaasen avesse avuto qualche sentore di come la tempesta sarebbe peggiorata, non avrebbe scelto Balto per  guidare la sua squadra.
Sebbene Balto fosse uno dei cani di Seppala, non aveva una reputazione di leader molto buona.
Ma Balto dimostrò il suo coraggio quando si inoltrò nel ruggire della bufera e quando a un certo punto arrestò la marcia per salvare il team e il pilota dalla morte immediata nel fiume Topkok.

Nessuno credeva che Kaasen avrebbe attraversato la tempesta, così quando arrivò al punto di incontro a 21 miglia da Nome, trovò il successivo pilota addormentato.
Dato che la squadra lavorava bene si decise di farla continuare. La loro resistenza fu testata ulteriormente quando a un tratto, un'improvvisa tempesta sollevò i cani da slitta e la slitta stessa in aria.
Mentre lottava per mantenere il comando della slitta e guidare la squadra, il cuore di Kaasen sussultò: il siero era sparito! Cercò freneticamente nella neve a mani nude. Miracolosamente, ritrovò il siero.

2 febbraio
All'alba del 2 febbraio 1925, il team di Gunnar Kaasen guidato da Balto arrivò a Nome. La città era salva! Esausti e quasi congelati dopo una corsa lunga 53 miglia, Kaasen, Balto e il resto della squadra   furono considerati eroi negli Stati Uniti.
Il viaggio di 674 miglia, fu portato a termine in  127 ore e mezza ed è considerato attualmente un record mondiale.

Eroi dimenticati
La “corsa del siero” attirò l'attenzione di tutti gli Stati Uniti. Solo poche settimane dopo questa impresa,  il produttore di Hollywood Sol Lesser contattò Leonhard Seppala e gli chiese di mettere sotto contratto Balto e il resto della squadra. Seppala accolse con favore l'offerta di potersi liberare del "cane da prima pagina", come lui stesso aveva definito Balto

Lesser assunse anche Kaasen per lavorare con i cani a Los Angeles.
Lesser portò Kaasen e la squadra al Monte Rainier nello stato di Washington, dove recitarono nel cortometraggio "Balto's Race To Nome". Il film di due bobine è stato realizzato nel giugno 1925. (fatta eccezione per un paio di fotogrammi in studio, nessuna copia del film è arrivata fino ai giorni nostri).
Nel corso di una controversia tra Kaasen e Lesser per salari non pagati, si scoprì che Lesser aveva acquistato i cani di Seppala e li aveva rivenduti. Per guadagnarsi da vivere, Kaasen fu costretto a girare il paese con i cani per due anni. Ma dal 1927, il vortice dei ruggenti anni '20 mise in ombra gli "Eroi d'Alaska." Questa fu l'ultima volta che Kaasen lavorò con la squadra, tornò a Nome senza i cani . Durante una visita a Los Angeles, George Kimble, un uomo d'affari di Cleveland scoprì i cani in un “museo”, scoprendo che erano malati e maltrattati. Egli conosceva la famosa storia di Balto e fu colpito dal vedere un tale oltraggio. Raggiunse un accordo con il proprietario dei cani, Sam Houston, per comprarli a  $ 2.000 l'uno e portarli a Cleveland. Ma Kimble aveva soltanto due settimane per raccogliere il denaro.
A quel punto partì un'altra grande gara: questa volta era per salvare Balto. In tutta la nazione, le trasmissioni radiofoniche trasmettevano appelli per le donazioni.

Balto oggi
Il corpo di Balto imbalsamato fa parte delle collezioni permanenti del Museo, accuratamente protetto e sorvegliato. Balto è noto e amato in tutto il mondo, e preservare la sua eredità è un dovere che il Museo prende molto sul serio. Il corpo è stato trasferito per brevi periodi in altri musei sparsi in tutti gli Stati Uniti ricevendo sempre un bagno di folla.

La Iditarod oggi

L'Alaska è cambiata radicalmente negli anni seguenti la corsa del siero. Le comodità moderne hanno raggiunto il grande e selvaggio deserto del nord. Il freddo non limita più il traffico aereo. Telefoni e televisione garantiscono una comunicazione immediata, e la motoslitta è diventata la modalità standard di trasporto invernale. La grande epoca dei cani da slitta a poco a poco si è conclusa.
Sono in molti tuttavia a considerare le slitte trainate da cani una parte importante della storia dell'Alaska e che i gatti delle nevi e le motoslitte

non saranno mai in grado di superare le grandi imprese che compiono persone e cani quando lavorano insieme. Tra questi individui c'erano Dorothy Page e Joe Redington, che nel 1973, insieme a altri volontari si sono mobilitati per riaprire la vecchia Iditarod Trail, la via postale da Anchorage a Nome che era stata usata nella storica corsa del siero. Oggi, il sentiero serve come percorso per una gara che si estende per 1.049 miglia attraverso due catene montuose, miglia di deserto ghiacciato e lungo la valle Yukon e si tiene ogni anno a marzo. L'Iditarod Trail non ricorda soltanto la storica impresa del 1925, ma riflette lo spirito dell'Alaska, degli uomini che si insediarono nel suo selvaggio territorio e dei cani la cui lealtà e resistenza ha contribuito alla conquista del Grande Nord.

* Fonte: Cleveland Museum of Natural Hystory.

 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu